martedì 3 maggio 2022

HOME COOKING



Si comincia dalla casa per passare al pollo e alle uova strapazzate.

Cuochi cinesi, fidanzati improbabili, inviti a cene che sarebbe stato meglio evitare, stufati di manzo, zuppe e tortini.

Home cooking dell'americana Laurie Colwin non è un libro di ricette. Home cooking è un libro con ricette.

Preparazioni ce ne sono e pure spiegate nel dettaglio con tanto di ingredienti, quantità, procedimento, tempi di cottura. Ma il bello di Home cooking sta in quello che Laurie Colwin racconta di sè, del cucinare e del vivere. 

Quindi se avete voglia di servire per cena pollo al forno con aglio e mele, la ricetta è a pagina 161. Ma per arrivare al pollo passerete attraverso incontri curiosi, amori infelici, strumenti alternativi, consigli pratici.

E se un fidanzato o una fidanzata vi propongono uova strapazzate, non prendete la cosa con sufficienza: le uova strapazzate posso dire molto di chi le cucina e possono rivelare molto a che se le trova nel piatto.

Lettura divertente, rassicurante, propositiva: Home cooking di Laurie Colwin è un libro Sur, tradotto da Lorenza Pieri.


martedì 19 aprile 2022

LIBRI e ROSE


Per festeggiare il 23 aprile, giornata mondiale del libro e del dirotto d'autore, una kermesse letteraria di quattro giorni, organizzata da Comune di Verona, Società letteraria, Kasa dei libri.

Incontri con autrici e autori, mattina, pomeriggio e sera, per stringere amicizia con Ulisse, Orlando furioso, Claude Debussy, Coco Chanel, miti, eroi, padri e figli, misteri e intrighi, poesia e letteratura, storia e libertà.

Tutti gli incontri sono a ingresso libero, senza prenotazione ma con mascherina ffp2 e green pass.

Gran Guardia, Sala Maffeiana e Società letteraria le sedi degli appuntamenti.

Il programma è disponibile in libreria o sul sito del Comune https://www.comune.verona.it/nqcontent.cfm?a_id=80967

sabato 2 aprile 2022

LETTERA A FP

Caro Francesco,

grazie per aver passato un po' del Suo tempo con me.

Grazie per aver condiviso le sue storie, che non di una ma di molte mi ha fatto partecipe con "Calabiani".

Grazie per aver tracciato con tanto garbo quel confine labile fra memoria e oblio.

Grazie per aver fatto riemergere ricordi di tempi lontani.

Grazie per le atmosfere di ombre, nebbie e paludi che il Polesine fanno apparire terra di suoni antichi, di gente che appare e scompare, di argini che contengono acque, trattengono vite, disegnano cicatrici.

Grazie per la poesia dei demoni infantili, che Lei ha tradotto da personali a collettivi.


Questa è una lettera scritta d'impulso a Francesco Permunian appena conclusa la lettura di Calabiani (pubblicato da Oligo). Un libro breve, che contiene un mondo senza confine, come l'acqua che si muove incurante di tutto avanti e indietro tracciando rughe leggere sulla sabbia. Pagine che scorrono legando sempre più stretto il lettore a quello che Ca' Labia è per ciascuno, indipendentemente dall'esserci nati, vissuti, passati. 

#francescopermunian #calabiani #oligo #polesine

sabato 5 marzo 2022

RIFRAZIONI DALL'EST

E' dall'inizio, dal 24 febbraio 2022, che ogni sera (o quasi) scrivo su facebook poche righe, senza esprimere giudizi e senza aggiungere foto.

Per i giudizi non si tratta di assenza, ma piuttosto di sospensione, per il prevalere di commozione, tristezza, paura, stupore che anticipano ogni altro pensiero. In parte anche per incapacità di leggere una tragedia per l'umanità, per altro non diversa da altre occorse e in corso, di così grandi proporzioni.

Per le immagini, la scelta di ometterle su un canale invaso di foto è proprio per non turbare le parole.

Si dice che le immagini parlano da sè ed è vero, figuriamoci le parole!

Tuttavia di immagini da aggiungere a questi brevi testi ne ho tante in mente e non voglio perderle. Le propongo qui, riprendendo come un diario (segui il consiglio che l'amico Andrei ha suggerito ai suoi colleghi e connazionali) gli scritti sintetici che ho scritto e che continuerò a scrivere, per dare e darmi margini di possibile bellezza salvifica.

Piccole cose, per conoscere qualcosa di più di un Est multiforme.

4 marzo

Днепр Дняпро Дніпро 🇺🇦
2200 chilometri di acqua. Un lungo serpente azzurro con anse e contro anse, rive basse che si allargano a formare pozze e laghetti, restringimenti e divisioni in rami minori che poi si riuniscono in un'unica via che scende da nord a sud con una generosa deviazione a ovest.
Ecco il Dnepr, il Dnjapro, il Dnipro, il terzo fiume d'Europa che muta il nome ma rimane sempre lo stesso, che attraversa i confini ma non cambia: nasce nella regione di Novgorod, tra Pietroburgo e Mosca, scende lento per entrare in Bielorussia, arrivare infine in Ucraina e sfociare con un grande estuario nel Mar Nero poco lontano da Odessa.
E' sempre stato lì, il grande fiume, il terzo fiume d'Europa. Ha visto passare la Storia, dai tempi antichi a oggi.
Che il suo mormorio porti buoni consigli e consolazioni.
Per tutte le ragazze, i ragazzi, le madri e i padri. Per i figli.
Слава Україні 🇺🇦


3 marzo

Собор Святої Софії 🇺🇦
Sofia, o Sonia nella sua declinazione slava, è un nome di origine greca che significa sapienza, saggezza.
Sulle rive del Dnipro, tredici cupole, dodici verdi e una più alta dorata. Siamo a Kiev e le tredici cupole sono quelle della cattedrale di Santa Sofia, nel centro della città. Al suo interno affreschi e mosaici risalenti al XI secolo, rivestono tutte le pareti. Attorno alla chiesa, un enorme complesso di edifici monastici.
Quello di Santa Sofia è il primo sito ucraino che entra a far parte del patrimonio dell'Unesco (correva l'anno 1990).
Che Sofia con la sua saggezza e la sua bellezza vegli su tutte le ragazze, i ragazzi, le madri e i padri. Sui figli.
Слава Україні 🇺🇦




2 marzo

🇺🇦
Michele è un angelo. Anzi più di un angelo, è un arcangelo, un angelo capo.
Nelle tradizione dell'Ebraismo, del Cristianesimo, dell'Islam.
Non ha confini. Non è di nessuno perché è di tutti.
Spesso viene rappresentato con una bilancia in mano, segno di equilibrio, impugna una spada che simboleggia la capacità di distinguere il bene dal male.
C'è anche il drago, ai piedi di Michele, una bestia feroce incarnazione del male, che viene soggiogata ma non uccisa.
L'arcangelo Michele è il protettore della città di Kiev.
Per tutte le ragazze, i ragazzi, le madri e i padri. Per i figli.
Слава Україні 🇺🇦




1 marzo

🇺🇦
Oggi ho una canzone nella testa, ha il ritmo allegro di una marcia e parole piene di malinconia.
La cantano diversi popoli dell'Est Europa, ognuno nella sua lingua. Due sono le cose che animano il cavaliere e a cui vuole tornare: la terra verde in cui è nato e gli occhi della ragazza di cui è innamorato.
Per tutte le ragazze, i ragazzi, le madri e i padri. Per i figli.
Слава Україні 🇺🇦




28 febbraio

Слава Україні 🇺🇦
Ho letto un libro la scorsa primavera. Mi rendo conto quanto ne è cambiato il sapore, riprendendolo ora.
"Negli occhi di lei", un'antologia di racconti di scrittrici ucraine pubblicato da Besa editrice.
Per tutte le ragazze, i ragazzi, le madri e i padri. Per i figli.
Ho in cuore pesante in questi giorni e la testa piena di pensieri.
Слава Україні 🇺🇦



25 febbraio

MAJDAN NEZALEŽNOSTI 🇺🇦
"Chi vive una vita e un luogo in cui non succede mai nulla di eccezionale, ha di solito la sensazione che il tempo sia infinito e invariabile. Questa forma di esistenza... coincide in fondo con il concetto di stabilità. Chi invece vive vicino a un 'punto focale'... non ha mai la sensazione che il tempo sia infinito".
Così Andrei Kurkov nella prefazione dei suoi "Diari ucraini" nel 2014.
Andrei vive a Kiev, in centro, vicino al Majdan Nezaležnosti, la Piazza dell'Indipendenza...
In questi giorni penso... anche a lui 🇺🇦
[Diari ucraini, traduzione di Sybille Kirchbach, Keller Editore].



24 febbraio

LUPUS et AGNUS 🇺🇦
Quando ero piccola, il mio papà mi raccontava storie. Alcune volte leggeva, altre andava a memoria. Mi ricordo un'estate in cui ha cominciato la sua narrazione in una lingua musicale a me sconosciuta. Non capivo le parole, ma lui mimando i personaggi mi dava degli indizi: qualcuno di grosso e cattivo minacciava uno piccolo e quieto.
Poi ha tradotto la stessa favola di Fedro perché capissi bene il suo significato: Il lupo e l'agnello è il titolo.
Mi è venuta in mente questa mattina... 🇺🇦
Ad rivum eundem lupus et agnus venerant, siti compulsi.
Superior stabat lupus, longeque inferior agnus.
Tunc fauce improba latro incitatus iurgii causam intulit:
"Cur - inquit - turbulentam fecisti mihi aquam bibenti?"
Laniger contra timens :
"Qui possum - quaeso - facere quod quereris, lupe? A te decurrit ad meos haustus liquor."
Repulsus ille veritatis viribus:
"Ante hos sex menses male - ait - dixisti mihi".
Respondit agnus:
"Equidem natus non eram!"
"Pater, hercle, tuus - ille inquit - male dixit mihi!"
Atque ita correptum lacerat iniusta
nece.
Haec propter illos scripta est homines fabula qui fictis causis innocentes opprimunt.





venerdì 31 dicembre 2021

TRE LETTURE


Tre consigli di lettura come li ho raccontati a Paolo Colombatti di TgR Veneto per chiudere un anno di libri ed aprirne uno nuovo altrettanto interessante.

https://www.facebook.com/100021973683174/videos/2978293962387908/

lunedì 8 novembre 2021

BIGLIETTI per MEGAN NOLAN

Mercoledì 17 novembre alle 19,00 Megan Nolan presenta Atti di sottomissione (NN editore) a Verona.



La sede dell'incontro è il Teatro Satiro Off, in vicolo Satiro 8 a Verona (quartiere Filippini).

Per partecipare è necessaria la preiscrizione inviando una mail a pagina.dodici@yahoo.it e una quota di adesione di 4,00 euro da versare anticipatamente. 

I posti, nel rispetto delle regole di sicurezza, sono limitati e distanziati.

Per accedere al teatro serve green pass e mascherina, come da disposizioni ministeriali.

mercoledì 8 settembre 2021

BIGLIETTI per LIZ MOORE

Lunedì 20 settembre alle 19,00 Liz Moore presenta Il mondo invisibile (NN editore) a Verona.


La sede dell'incontro è il Teatro Satiro Off, in vicolo Satiro 8 a Verona (quartiere Filippini).

Per partecipare è necessaria la preiscrizione inviando una mail a pagina.dodici@yahoo.it e una quota di adesione di 4,00 euro da versare anticipatamente. 

I posti, nel rispetto delle regole di sicurezza, sono limitati e distanziati.

Per accedere al teatro serve green pass e mascherina, come da disposizioni ministeriali.